Miopia Forte

 

La miopia elevata

La miopia è il più diffuso difetto di vista; in Europa ne sono affette alcune decine di milioni di persone, mentre in Italia i miopi sono circa dodici milioni.
La miopia è un’imperfezione che riduce la vista per lontano; il miope, cioè, vede bene a distanza ravvicinata mentre a distanza di qualche metro vede sfocato. Quando supera le 7 diottrie la miopia elevata è detta miopia patologica.

  • Nella miopia semplice l’occhio è sano, non ha alterazioni. Nella miopia forte invece la retina è spesso danneggiata e l’occhio, anche con le lenti adeguate, ha una visione ridotta ed inferiore a quella normale.

Strutturalmente, un occhio affetto da miopia forte è un occhio più lungo della norma. Il progressivo allungamento del globo oculare può protrarsi anche per tutto l’arco della vita; ciò comporta alterazioni degenerative a carico di quasi tutte le strutture dell’occhio, ma soprattutto a carico della retina.

Queste alterazioni strutturali possono portare a una significativa riduzione dell’acuità visiva e della qualità visiva: nella miopia elevata l’occhio, anche con l’ausilio di lenti adeguate, ha spesso una visione ridotta ed inferiore a quella normale (a volte 7/10, a volte 3/10 ed in certi casi anche meno di 1/10).

Più un occhio è lungo e più è miope, e maggiori sono le diottrie di miopia. La diottria indica anche lo “spessore” dell’occhiale che corregge il difetto visivo.

La miopia forte, oltre che con occhiali e lenti a contatto, può essere corretta con l’impianto del cristallino artificiale, anziché trattata con laser.

Diversi tipi di miopia

MIOPIA DEBOLE O MEDIA

MIOPIA FORTE O MALATTIA MIOPICA

Il paziente usa occhiali leggeri e lenti sottili (lenti comprese fra 1 e 3-4 diottrie per la miopia lieve e tra 4 e 7 per quella media)

Gli occhiali sono pesanti e le lenti sono spesse all’esterno e sottili al centro (lenti di oltre 7-8 diottrie)

La miopia tende a fermarsi al completamento dello sviluppo fisico

La miopia tende a progredire più o meno per tutta la vita ed in maniera irregolare

L’occhio ha forma e dimensioni normali (la lunghezza varia fra 22 e 24 millimetri)

L’occhio è più grande e più sporgente (la lunghezza varia fra 24 e 36 millimetri)

L’occhio è sano e tutte le strutture che lo compongono hanno un aspetto normale

L’occhio è come “malato”, cioè presenta alterazioni in quasi tutte le sue strutture, ai danni di retina e nervo ottico. La cataratta tende a comparire molto più precocemente e più frequentemente che negli occhi non miopi. Il vitreo presenta spesso fastidiosi corpi mobili

La visione (con l’ausilio di lenti) è generalmente normale, cioè misura 10/10, 9/10 o 8/10

La visione è ridotta anche con l’ausilio di lenti, a seconda della maggiore o minore gravità delle alterazioni miopiche dell’occhio (7/10 o 6/10, o anche meno)

Il trattamento con laser ad eccimeri (PRK o LASIK) consente, nella maggioranza dei casi, di eliminare la miopia. L’acutezza visiva senza occhiali sarà uguale a quella che c’era prima con gli occhiali

In caso di miopie forti la tecnica migliore è l’impianto di cristallino artificiale.
L’acutezza visiva senza occhiali sarà simile a quella esistente prima dell’intervento con occhiali o con lenti a contatto.

Come si corregge la miopia elevata

In caso di miopie forti è altamente sconsigliato l’utilizzo del laser, che invece trova applicazione per le miopie di lieve e media entità.
In caso di difetti forti si ricorre all’impianto di cristallino artificiale.

  • Tecnica dei due cristallini (o del cristallino fachico)

Il cristallino artificiale, chiamato fachico, viene inserito nell’occhio senza asportare il cristallino naturale. Questa chirurgia è particolarmente interessante perché permette di correggere il difetto visivo mantenendo la funzionalità del cristallino naturale, essenziale per la visione per vicino e per la stabilità dell’occhio . Uno dei grandi vantaggi è il fatto che la correzione effettuata non è soggetta a regressione, come talvolta avviene con il laser quando utilizzato per i difetti forti, in quanto la lente è in materiale plastico inalterabile nel tempo.

 

Quando si può operare

E’ compito del medico oculista esperto di chirurgia refrattiva suggerire la tecnica più idonea; ciò solitamente viene fatto in base al tipo di occhio, all’età del paziente, alle esigenze visive, oltre che in base all’esperienza chirurgica del singolo chirurgo ed alle strumentazioni disponibili.

 

Chirurgia

Un sito web Dinamo Cms